Anteprima ERC: 55th Azores Rallye

2021-09-15T11:41:43+02:00Settembre 13th, 2021|2021, Azores Rally|

La seconda parte della stagione 2021 del FIA European Rally […]

La seconda parte della stagione 2021 del FIA European Rally Championship scatta il 16-18 settembre con lo spettacolare Azores Rallye, che torna in calendario con qualche novità.

DATI

Gara: FIA European Rally Championship round 5 di 8*
Quando: 16-18 settembre 2021
Dove: Ponta Delgada, São Miguel
PS: 13
Distanza Tappe: 201,74 chilometri
Distanza collegamenti: 443.40 chilometri
Distanza totale: 645.14 chilometri
Superficie: terra
Precedenti ERC (dal 2004): 7 (2013-2019)
*Valido per: FIA ERC2, FIA ERC3, FIA European Rally Championship for Teams. Incentivi ERC-MICHELIN Talent Factory disponibili

ALBO D’ORO

2019: Lukasz Habaj/Daniel Dymurski (Škoda Fabia R5)
2018: Alexey Lukyanuk/Alexey Arnautov (Ford Fiesta R5)
2017: Bruno Magalhães/Hugo Magalhães (Škoda Fabia R5)
2016: Ricardo Moura/António Costa (Ford Fiesta R5)
2015: Craig Breen/Scott Martin (Peugeot 208 T16)

DESCRIZIONE

Con base nell’isola di São Miguel, nell’arcipelago atlantico portoghese, l’evento festeggia la 55a edizione nel 2021. Lo scenario resta mozzafiato e la gara ricca di azione lungo i percorsi stretti e tortuosi spesso ricoperti di sabbia. Le strade sono larghe tanto quanto una vettura, per cui il margine di errore resta minimo. Non mancherà la splendida PS “Sete Cidades”, lungo il cratere di un vulcano estinto. Un altro fattore da tenere in considerazione sarà il meteo, spesso imprevedibile con gli scrosci di pioggia a spezzare le giornate assolate.

CAMBIAMENTI 2021

I principali cambiamenti per il 2021:
Rinviato dal 2020, il 55° Rally delle Azzorre si svolge essenzialmente in un formato completamente nuovo, con le tradizionali PS nella foresta a est di São Miguel che ora si svolgono nella tappa di apertura piuttosto che in quella di chiusura. Ciò significa che le prove occidentali si disputano nella giornata finale con quella del vulcano Sete Cidades che deciderà l’esito dello spettacolare evento sterrato ERC. Il rally è anche conforme al requisito della FIA di contenere gli eventi in una finestra di quattro giorni. Di conseguenza, le tradizionali PS del giovedì pomeriggio scompaiono e tutta l’azione è contenuta fra venerdì e sabato. Le restrizioni COVID-19 significano che il City Show sul lungomare di Ponta Delgada non si svolgerà quest’anno.

IL PERCORSO

Giovedì 16 settembre: Dopo il completamento delle ricognizioni di giovedì mattina, l’attenzione passa velocemente alle prove libere dalle 13;00 ora locale (CET -2) e poi sulla Qualifying Stage dalle 15;18 quando i piloti prioritari ERC saranno in azione sulla “Lagoa” di 3,12 chilometri a est di Ponta Delgada.

Venerdì 17 settembre: il giro mattutino porta gli equipaggi all’estremo est di São Miguel per la Tronqueira, nella giungla, poi nella prova più lunga del rally, Graminhais, che misura 24,03 chilometri. C’è una sola visita alla Lagoa de São Brás durante il viaggio di ritorno a metà tappa a Ponta Delgada. Poi si ritorna sulla Graminhais e sulla Tronqueira nel pomeriggio con la superspeciale a due a due del Grupo Marques a nord di Ponta Delgada che completa il primo giorno, per un totale di 111,90 chilometri di gara.

Sabato 18 settembre: la tappa decisiva di sabato si sviluppa su una distanza cronometrata di 89,84 chilometri e inizia con un viaggio a nord di Ponta Delgada a Coroa da Mata seguito dallo spostamento ad ovest per la Feteiras, prima della Sete Cidades numero uno. C’è poi un ritorno sulla superspeciale Grupo Marques prima del servizio nella capitale, Ponta Delgada. Coroa da Mata e Feteiras sono ripetute nel pomeriggio con la replica della Sete Cidades che deciderà l’esito del 55° Rally delle Azzorre dalle 15;53 ora locale in diretta su Facebook e YouTube.

PANORAMICA

La seconda parte della stagione 2021 del FIA European Rally Championship scatta il 16-18 settembre con lo spettacolare Azores Rallye, che torna in calendario con qualche novità.

Dopo quattro turni, Andreas Mikkelsen è al primo posto nella corsa al titolo FIA dopo aver capitalizzato la mancata partenza di Alexey Lukyanuk al Barum Czech Rally Zlín dopo un incidente in prova. Il secondo posto del norvegese a Zlín significa che ora ha 30 punti di vantaggio sul rivale russo con entrambi i piloti che puntano alla seconda vittoria nel loro impressionante curriculum.

Ma non ci sono solo Lukyunak e Mikkelsen da tenere d’occhio. Miko Marczyk, Efrén Llarena e Norbert Herczig hanno preso ottimi punti costantemente in questa stagione, mentre un trio di esordienti delle Azzorre – Yoann Bonato, Umberto Scandola e Nil Solans – hanno tutti ciò che serve per fare bene.

Ricardo Moura, 10 volte campione delle Azzorre e vincitore del 2016, rimane una grande minaccia. Erik Cais punterà a rifarsi dopo la sua uscita di scena finale a Zlín, quando una era a tiro della prima vittoria ERC, mentre Dani Sordo aggiunge al mix il pedigree di vincitore WRC.

Attenzione anche all’ex ERC3 Junior Pedro Antunes, al primo evento ERC con una vettura Rally2, mentre Rachele Somaschini si unisce a Cais, Llarena e Marczyk a caccia di incentivi dell’ERC-MICHELIN Talent Factory. Come la Somaschini, all’esordio c’è pure il messicano Benito Guerra.

Dopo due eventi consecutivi su terra in Polonia e Lettonia, l’ERC è passato all’asfalto per il terzo e quarto round, il Rally di Roma Capitale e il Barum Czech Rally Zlín. Ma si torna alle strade sterrate al 55° Rally delle Azzorre, altro test intenso per le stelle dell’ERC e le loro auto della categoria rally FIA.

Il Rally delle Azzorre fa parte del roster dell’ERC da quando Eurosport Events è stato nominato promotore dalla FIA nel 2013, a parte la cancellazione forzata di COVID del 2020. Oltre ai 21 equipaggi che inseguono il successo con le auto Rally2, la Classe ERC2 è per le Rally2 Kit, mentre in ERC3 sarà una battaglia tra le Rally4 di Peugeot e Renault. Il pilota polacco Igor Widlak esordisce alle Azzorre con una Ford Fiesta Rally3 della M-Sport Poland.

L’obiettivo dell’ERC rimane quello di fornire un percorso di progressione per i piloti che puntano al top dello sport, ma continuando ad essere aperto a tutti i partecipanti con una vasta gamma di età ed esperienza.

Amministrato dalla FIA e promosso da Eurosport Events, l’ERC è la serie che precede il FIA World Rally Championship ed è sostenuto da un pacchetto globale di trasmissioni, che comprende un’ampia copertura sulle varie piattaforme Eurosport. Quattro tappe di ogni evento sono mostrate in diretta su Facebook e YouTube, mentre ERC Radio è in onda da tutti gli eventi.

ERC 2021: LE NOVITA’

*L’ERC1 Junior è rinominato ERC Junior ed è per vetture Rally3 (nella foto) con pneumatici Pirelli. Il campione vince una stagione nel WRC3 con una Rally3 nel 2022 come premio.
*Un nuovo pacchetto di premi per l’ERC3 Junior prevede una stagione ERC Junior completa nel 2022 per i piloti che utilizzano la Ford Fiesta Rally4 di M-Sport Polonia (o tre eventi per quelli che gareggiano con un’altra marca di auto).
*ERC-MICHELIN Talent Factory premia i giovani piloti su vetture Rally2 con pneumatici MICHELIN con una serie di incentivi, tra cui alcuni per ridurre i budget, durante la stagione.
*Il Clio Trophy by Toksport WRT gara per gara una Renault Clio Rally5 equipaggiata con pneumatici MICHELIN.
*Il Rally Serras de Fafe e Felgueiras, nel nord del Portogallo, si unisce per la prima volta al programma dell’ERC, mentre gli eventi di vecchia data come Azores Rallye, Barum Czech Rally Zlín e ORLEN 77° Rally Poland ritornano dopo non aver avuto luogo nel 2020.
*M-Sport Polonia ha presentato la sua nuova Fiesta Rally3, la prima del suo genere costruita secondo le nuove regole della FIA. Ci sono nuove auto Rally4 di Opel e Renault, mentre le auto Rally2 Kit di Suzuki e Toyota sono in lizza per i punti ERC2.
*I piloti delle auto Rally2 possono utilizzare un massimo di 16 pneumatici su asfalto e terra, mentre i piloti Rally3 un massimo di 16 pneumatici su asfalto e 12 su terra. Per i piloti delle vetture Rally4 e Rally5, non possono essere utilizzati più di 12 pneumatici su asfalto o terra.
*Tutti i piloti in possesso dello status di prioritari ERC possono ottenere punti per il campionato nel 2021, indipendentemente dal tipo di auto FIA con cui gareggiano (Rally2, Rally3, Rally4, Rally5, Group N, Rally2 Kit e RGT).

CLIO TROPHY BY TOKSPORT WRT

Il FIA ERC nel 2021 ha la novità dell’emozionante Clio Trophy by Toksport WRT. Utilizzando la Renault Clio Rally5 con pneumatici MICHELIN di serie, il Clio Trophy by Toksport WRT si svolge in cinque eventi ERC e offre numerosi premi e incentivi ai concorrenti. Iniziativa congiunta di Renault Sport Racing, del team Toksport WRT, vincitore del titolo europeo e mondiale FIA, e del promotore dell’ERC Eurosport Events, il Clio Trophy by Toksport WRT utilizza un formato unico per l’ERC.

ERC-MICHELIN TALENT FACTORY: IL SUPPORTO PER I GIOVANI EMERGENTI

Il promotore del FIA European Rally Championship, Eurosport Events, è lieto di annunciare la creazione dell’ERC-MICHELIN Talent Factory per la nuova stagione. Riconoscendo i risultati dei piloti ERC iscritti di età non superiore ai 28 anni all’inizio del 2021, che parteciperanno al campionato con vetture Rally2 dotate di pneumatici MICHELIN, l’ERC-MICHELIN Talent Factory offre una serie di incentivi, tra cui prezzi speciali per le gomme nei primi sei eventi dell’ERC 2021, mentre il pilota più bravo riceverà da MICHELIN l’intera dotazione di pneumatici per gli ultimi due eventi della stagione. Sono inoltre previste visite VIP alla sede MICHELIN di Clermont-Ferrand, in Francia, per i tre membri dell’ERC-MICHELIN Talent Factory con le migliori prestazioni dopo i primi sei eventi della stagione.

P1 RACING FUELS PODIUM CHALLENGE: UN PREMIO PER I PILOTI ERC

Il P1 Racing Fuels Podium Challenge continua nel 2021 a premiare i primi tre classificati dell’ERC1 e dell’ERC2 in ogni round con buoni carburante che possono essere utilizzati nelle benzine da gara P1 XR5 negli eventi successivi, aiutando i concorrenti a ridurre ulteriormente i costi di gara. In entrambe le categorie, i piloti vincitori ricevono 150 litri di carburante, mentre il secondo e il terzo classificato ricevono rispettivamente 100L e 50L.

AZORES RALLYE: PUNTI SALIENTI

*Andreas Mikkelsen non potrebbe essere più felice in vista del suo ritorno al Rally delle Azzorre per la prima volta dopo la sua vittoriosa uscita nel 2012. Egli descrive l’evento come “uno dei miei rally preferiti in assoluto nel mondo” e guida la classifica del FIA ERC dopo quattro turni. Alla guida di una Škoda Fabia Rally2 Evo, il pilota della Toksport WRT ha chiamato il co-pilota britannico Elliott Edmondson per navigarlo attraverso queste tappe spettacolari.

*L’ascesa di Mikkelsen in cima alla classifica dell’ERC è stata facilitata quando Alexey Lukyanuk (Citroen C3 Rally2) non ha corso in Repubblica Ceca a seguito di un incidente durante un test. Una ripetizione della sua vittoria del 2018 riaccenderà le ambizioni di titolo del russo del Saintéloc Junior Team, attualmente 30 punti dietro Mikkelsen.

*Miko Marczyk del team ORLEN, Campione polacco del 2019, fa il suo debutto alle Azzorre da secondo in classifica a 19 punti da Mikkelsen, ma con solo due di margine su Efrén Llarena (Rallye Team Spain), che due anni fa ha fatto una doppietta in ERC3/ERC Junior in Portogallo.

*Norbert Herczig (Škoda Rally Team Hungaria) è quinto in classifica, ma a pari punti con Lukyanuk e continua a mostrare una forma impressionante con la sua Fabia Rally2 Evo, auto scelta pure dall’esordiente dell’evento, Nil Solans (Rallye Team Spain), campione spagnolo Terra della scorsa stagione.

*Erik Cais può contare sull’esperienza delle Azzorre acquisita dal suo debutto nel 2019, anche se il ceco ha visitato São Miguel lo scorso settembre avendo già prenotato i suoi biglietti aerei prima della cancellazione del rally a causa della pandemia di COVID-19. Il 22enne era a tiro della sua prima vittoria ERC, ma è andato KO nell’ultima PS del Barum Czech Rally Zlín. Il ragazzo dello Yacco ACCR Team ora optrà riscattarsi a bordo della sua Ford Fiesta Rally2.

*Dani Sordo è stato reclutato dal Team MRF Tyres per il suo programma di sviluppo di pneumatici, al quale hanno contribuito anche Jari Huttunen e l’ex vincitore delle Azzorre Craig Breen nel 2021. Anche se Sordo e il Team MRF Tyres sono nuovi qui, Cándido Carrera ha co-pilotato José Antonio Suárez nell’evento nel 2011 e nel 2017, mentre Breen ha ottenuto un podio per il Team MRF Tyres nell’ultimo round su terra dell’ERC, il Rally Liepaja di luglio.

*Yoann Bonato (CHL Sport Auto Citroën) e Umberto Scandola (Hyundai Rally Team Italia) si apprestano a correre le PS delle Azzorre per la prima volta, ma conoscono già questo tipo di sfida.

*L’idolo locale Ricardo Moura è un 10 volte campione delle Azzorre e ha ottenuto una memorabile vittoria al Rally nel 2016. Luis Rego è un altro velocissimo pilota locale che punta alla vetta, mentre il loro collega isolano, Rafael Botelho, fa il suo debutto nell’ERC 18 mesi più tardi di quanto originariamente previsto dopo la cancellazione dell’anno scorso.

*Bruno Amaral, Aloísio Monteiro, Ruben Rodrigues e il talento emergente Pedro Antunes (ex ERC3 Junior e al debutto con una Rally2), sono gli altri portoghesi al via.

*Rachele Somaschini, uno dei quattro membri della ERC-MICHELIN Talent Factory in azione, ha descritto il suo debutto alle Azzorre come un “sogno che diventa realtà”. Oltre a poter fare esperienza al volante della sua Citroën C3 Rally2, la milanese userà l’evento per promuovere #CorrerePerUnRespiro, iniziativa sulla fibrosi cistica da cui è affetta.

*Daniel Dymurski, che ha co-pilotato Lukasz Habaj nel successo delle Azzorre nel 2019, torna a far coppia con il collega polacco Igor Widlak su una Ford Fiesta Rally3.

*Dopo aver preso punti al suo debutto nell’ERC all’ORLEN 77th Rally Poland, Adrian Chwietczuk fa la sua seconda uscita nel FIA European Rally Championship. Pr lui le Azzorre sono nuove, ma non per il suo co-pilota Jarek Baran, partner di Kajetan Kajetanowicz in quattro precedenti a Ponta Delgada, centrando due podi.

*Luis Vilariño ha ottenuto una top-15 nella sua ultima apparizione ERC in Repubblica Ceca e cercherà di ripartire da lì per le Azzorre, che vede per la prima volta.

*Dopo aver raggiunto il successo nel Campionato del Mondo Rally, Benito Guerra fa il suo debutto nell’ERC al Rally delle Azzorre: il messicano gareggerà su una Škoda Fabia Rally2 Evo.

*Lo schieramento ERC2 presenta quattro piloti con vetture Rally2 Kit, Victor Cartier (Toyota Yaris Rally2 Kit), più Dmitry Feofanov e la coppia di Suzuki Motor Ibérica, Javier Pardo e Joan Vinyes, che guideranno tutti la Suzuki Swift Rally2 Kit.

*Pep Bassas (Peugeot 208 Rally4) combatterà contro i piloti della Renault Clio Rally4, Jean-Baptise Franceschi e Ola Jr Nore, per il vertice dell’ERC3. Nessuno di questi tre ha mai gareggiato alle Azzorre prima d’ora, partendo tutti alla pari.

COME SEGUIRE LA GARA

In TV e online:
Ci sarà una copertura dal vivo, anche dalla telecamera dell’ERC sull’elicottero, più il commento e l’analisi degli esperti Julian Porter e Chris Rawes, su Facebook e YouTube.

Conferenza stampa pre-evento: 18h30 CET -2, giovedì 16 settembre su Facebook, YouTube

SS2: Tronqueira 1 (21,89 km) dalle 10h21 CET -2, venerdì 17 settembre su Facebook, YouTube

SS5: Tronqueira 2 (21,89 km) da 15h35 CET -2, venerdì 17 settembre su Facebook, YouTube

SS9: Sete Cidades 1 (24,01 km) da 10h54 CET -2, sabato 18 settembre su Facebook, YouTube

SS10: Sete Cidades 2 (24,01 km) da 15h53 CET -2, sabato 18 settembre su Facebook, YouTube

I momenti salienti della prima tappa: Eurosport, 22h30 CET, venerdì 17 settembre (controllare gli orari locali per i dettagli)

La seconda tappa: Eurosport, 24h00 CET, sabato 18 settembre (controlla la programmazione locale per i dettagli)

ERC All Access: Eurosport, 22h40 CET, martedì 21 settembre (controllare la programmazione locale per i dettagli)

ERC Rally Review distribuito ai partner di trasmissione in tutto il mondo

Video, notizie aggiornate e cronometraggio in diretta: Disponibile su FIAERC.com

ERC Radio: In diretta dalla fine delle PS. Disponibile su FIAERC.com o scaricando l’App ufficiale dell’ERC

Social media: Segui l’ERC su Facebook, Instagram, Twitter

TOP5

1: Da quando esiste, l’Azores Rallye ha in Fernando Peres il suo uomo record con 7 successi.
2: Ricardo Moura ha vinto più titoli in patria, ma il successo all’Azores Rallye nel 2016 è stato il primo per lui nell’ERC.
3: Nell’albo d’oro appaiono stelle del WRC come Craig Breen, Kris Meeke, Andreas Mikkelsen, Juha Kankkunen, Markko Märtin e Bruno Thiry
4: L’arcipelago delle Azzorre è esattamente a metà strada tra Lisbona e New York con le sue nove isole. Il terreno fertile consente la crescita rigogliosa di piante e vegetazione.
5: Fra i cibi tipici del posto c’è la zuppa cozido das fumas.