Official Series Partners

News

Brynildsen: "Nel 2020 l'ERC è il punto di non ritorno"

2020-01-13T15:18:54+01:0013 Gennaio, 2020|2020|

Eyvind Brynildsen ha tutto per lottare per il titolo del FIA European Rally Championship nel 2020.

Il norvegese ha sempre avuto problemi di budget dovendo accontentarsi di programmi ristretti, ma il prossimo anno avrà modo di correre tutti gli 8 round della serie.

Brynildsen e Ilka Minor guideranno la ŠKODA Fabia R5 Evo della Toksport WRT, il team che ha seguito Chris Ingram e Ross Whittock nella loro vittoria del 2019.

Qual è il tuo obiettivo per l’ERC 2020?
“Vincere! E’ il punto di non ritorno della mia carriera, potremo fare tutta la stagione e c’è la possiblità di vincere PS, rally e titolo. Era difficile quando non avevo un programma completo, in alcuni rally dovevo perdere tempo a capire la macchina”.

Cosa serve per diventare Campione?
“Ilka è uno dei migliori navigatori e la Toksport una bella squadra con un ottimo team manager come Serkan Duru. E’ uno molto coinvolto che vuole che tutti facciano bene il proprio lavoro, lo abbiamo visto con Chris Ingram. Inoltre avremo un ingegnere di ŠKODA Motorsport e inizieremo a preparare l’Azores Rallye con un test a Sweet Lamb, in Galles”.

Quanta pressione hai?
“Ce n’è, ma so che se sbaglierò alle Azzorre, ad esempio, avrò comunque altre possibilità di prendere punti in altri eventi, quindi sono tranquillo. Ho tempo per gestire la situazione, non dovrò per forza vincere tutte le gare. Dovrò essere consistente e userò la mia esperienza per essere veloce. E’ come suonare la chitarra, ognuna è diversa, ma la differenza la fai tu”.