Official Series Partners

News

Il ritorno di Basso: grande vittoria a Roma

2019-07-22T07:59:10+02:00Luglio 21st, 2019|2019, Rally di Roma Capitale|

Giandomenico Basso è tornato a svettare nel FIA European Rally Championship dopo i titoli vinti nel 2006 e nel 2009 vincendo il Rally di Roma Capitale.

Il pilota della Loran SRL ha dimostrato di meritarsi il podio fin dalla prima prova, per poi passare al comando nella PS5 e sbagliando solamente nella PS10 andando dritto ad un incrocio perdendo 24″ che hanno rimesso in gioco Simone Campedelli (Orange 1 M-Sport Rally Team).

Il romagnolo ha debuttato con la nuova Ford Fiesta R5 della M-Sport recuperando dopo un avvio difficile fino alla terza posizione e balzando secondo quando Alexey Lukyanuk (Saintéloc Racing) è stato penalizzato.

Campedelli ha vinto la prima PS con la nuova Fiesta nella Affile-Bellegra, una delle poche che Andrea Crugnola non è riuscito ad aggiudicarsi. Il varesino era il grande dominatore fin lì, poi nella PS5 ha forato scivolando decimo. Con una rimonta pazzesca fatta di 12 successi cronometrici su 16 PS, il pilota della HK Racing ha raggiunto e superato Lukyanuk nella superspeciale di Ostia.

Nonostante la penalità, Lukyanuk prende comunque punti pesanti per il titolo perché il suo rivale Łukasz Habaj (Sports Racing Technologies) è andato a sbattere sabato, mentre il russo si classifica quarto.

Filip Mareš (ACCR Czech Rally Team) vince in ERC1 Junior Championship davanti a Chris Ingram (Toksport WRT), con i due divisi da 17″6 e quinto e sesto assoluto. Con questo risultato, il ceco si presenterà al gran finale di stagione della serie – il Barum Czech Rally Zlín di casa sua – con l’occasione di sfilare il titolo dalle mani dell’inglese.

Ingram e Norbert Herczig (MOL Racing Team) hanno lottato a lungo per la Top5 oggi, poi Crugnola ha superato entrambi, mentre il britannico si è girato per due volte lungo la Rocca Santo Stefano, dando modo all’ungherese di insidiarlo. Nella Affile-Bellegra, però, il pilota della Volkswagen ha perso tempo dimenticandosi di rimettere l’auto in modalità Stage e Ingram lo ha riscavalcato.

Mārtiņš Sesks (LMT Autosporta Akadēmija), in gara come premio per aver vinto il titolo in ERC3 Junior Championship l’anno scorso, è terzo in ERC1 Junior e festeggia il secondo podio in categoria dopo quello della Lettonia.

Umberto Scandola (Hyundai Motorsport N) aveva viaggiato attorno alla Top5, ma una foratura lo relega al nono posto ad un minuto da Sesks, troppo lontano per poter sperare in una rimonta.

Vojtěch Štajf (ACCR Czech Rally Team) completa la Top10 di categoria davanti ad Hiroki Arai (STARD) e alla vincitrice dell’ERC Ladies Trophy, Emma Falcón (Rallye Team Spain), alle prese con problemi alla frizione che l’hanno rallentata.

Arai e la Falcón sono anche in Top5 nell’ERC1 Junior.