Intervista ERC con Nikolay Gryazin

2021-06-28T06:00:03+02:00Giugno 28th, 2021|2021, Rally Liepāja|

Due volte vincitore del Rally Liepāja, il 23enne ex campione ERC1 Junior ha quello che serve per puntare ad una terza vittoria ERC in Lettonia, questa volta con Volkswagen Polo GTI R5 della Movisport. Ecco le sue parole prima dell’evento.

Come due volte vincitore del Rally Liepāja cosa serve per avere successo in questo evento?
“Ho iniziato la mia carriera in Lettonia, quindi ho una buona conoscenza del tipo di sterrato che c’è lì, delle strade e anche esperienza su diverse auto. Ma non sono l’unico ad averla, quindi dovrò dimostrare il mio valore e lottare in quello che è un evento straordinario”.

Per un pilota nuovo al Rally Liepāja, come descriveresti l’evento, la sfida che si affronta e la natura delle PS?
“Sono veloci e bisogna essere pronti a non alzare il pedale nelle curve cieche sui dossi, perché la terra è abbastanza morbida e si può davvero andare a tavoletta. Devi fidarti della macchina ma devi essere coraggioso e spingere in curva con una velocità molto elevata. Pensi che questa non ti consenta di andare a forte, ma la terra lettone ti aiuta a rimanere sulla strada”.

Quali sono le cose migliori e peggiori del Rally Liepāja?
“Direi che la cosa peggiore è la PS di Talsi dove mi sono schiantato l’anno scorso e anche nel 2017, in uno degli altri rally a cui partecipavo che aveva le stesse prove. Sono finito fuori nella stessa curva ma in direzione opposta. Spero che quest’anno passerò questa curva indenne! Le cose migliori sono la spiaggia, quando il tempo è bello, e le strade veloci. Le persone sono anche molto gentili in Lettonia ed è davvero facile parlare con loro. Penso che l’organizzazione sia la migliore”.

Quanto è stato frustrante il tuo ritiro in Polonia e quanto ci tieni alla rivincita in Lettonia?
“La frustrazione è stata abbastanza grande, come si può vedere su YouTube ero davvero arrabbiato. Quando stai facendo il tuo lavoro in modo corretto e qualcosa va storto di sicuro scoccia, ma non incolpo mai nessuno, succede nella vita ed è una sorta di esperienza. Eravamo lì per vincere, abbiamo fatto alcuni tempi veloci e questo ci renderà più forti. Sicuramente sto cercando la rivincita in Lettonia, quando spero di lottare con gli altri piloti veloci. Sono davvero eccitato perché mi sento bene in macchina, quindi vediamo come va”.

Qual è la tua strategia per questo evento e cosa credi di poter ottenere?
“Cercherò di lottare per la vittoria e sicuramente cercherò di gestire tutto per cercare di guidare fino al traguardo in sicurezza e non rischiare troppo. Ma abbiamo bisogno di lottare all’inizio per un buon risultato e dopo cercheremo di gestire la velocità. È bello spingere tutto il tempo ma dobbiamo comunque essere intelligenti”.