Official Series Partners

News

La tappa ungherese di Nyíregyháza è la novità del calendario 2019 dell'ERC

2018-11-10T15:28:39+01:00 novembre 9th, 2018|2018|

L’Ungheria torna nel calendario del FIA European Rally Championship con l’evento di Nyíregyháza per il 2019.

Il prossimo anno sono 8 gli appuntamenti previsti (4 su terra e 4 su asfalto) dalla FIA Rally Commission che si è riunita a Ginevra il 7 novembre e che dovranno essere approvati dal Consiglio Mondiale della FIA il 5 dicembre a San Pietroburgo.

Il rally ungherese è una novità importante per il 2019 grazie al sostegno del governo locale e delle autorità. La città scelta è Nyíregyháza, a circa 2h30 di macchina da Budapest, dove si terrà il weekend conclusivo della stagione (9-11 novembre) come Nyíregyháza Rally, per la prima volta andato in scena nel 1980 quando era tappa fissa per gli sport locali.

“Eurosport Events, come promoter dell’ERC, con entusiasmo e piacere annuncia che il Rally Hungary è stato inserito nel calendario provvisiorio del 2019 dopo un accordo raggiunto – ha dichiarato il coordinatore ERC, Jean-Baptiste Ley – E’ il culmine di molti mesi di dialoghi che ci hanno stupito per la professionalità e l’organizzazione del team che vi sta dietro. Diamo il benvenuto come supporto al governo e alle autorità locali, incluso il sindaco di Nyíregyháza.”

Nel FIA European Rally Championship ci sono molti piloti ungheresi, come ad esempio il Campione ERC2 Tibor Érdi Jr, Dávid Botka (vincitore di PS a Cipro e Azzorre) e Norbert Herczig nuovo arrivato nel 2018 con il MOL Racing Team e un paio di volte a podio, senza dimenticare Kristóf Klausz in ERC Junior dal 2014.

Tünde Szabó (Segretario di Stato dello Sport): “Per noi è un grandissimo salto in avanti vedere il Rally Hungary inserito nel calendario del FIA ERC. Nei decenni precedenti Nyíregyháza ha dimostrato di essere un’ottima sede per il motorsport nazionale. Con l’ERC passiamo al livello internazionale dando alla città importanza continentale. Ospitare l’ERC è perfetto per i nostri obiettivi politici, città e paese hanno modo di guadagnarci organizzando un evento sportivo di grande prestigio”.

Ferenc Kovács (Sindaco di Nyíregyháza): “E’ un grande onore per Nyíregyháza ospitare un evento di grande prestigio come questo. Pensiamo che il rally possa portare benefici a lungo termine e anche dal punto di vista turistico. Siamo pronti ad organizzare una gara di stampo europeo e Nyíregyháza è prontissima per avere il suo rally, così come la gente per vedere la PS in città. Credo che questo sia solo il primo passo per avere una motorsport arena nella nostra città in futuro”.

Gyárfás Oláh (Presidente dell’Associazione Ungherese del Motorsport): “Questo annuncio è una pietra miliare per il motorsport ungherese e per il rally. Il nostro paese potrà tornare sulla scena europea della categoria e l’ERC avere il Rally Hungary in calendaio. I nostri piloti hanno già dimostrato di poter giocarsela a livello europeo in questo sport e ci crediamo fortemente. Nyíregyháza ospiterà non solo il rally, ma l’ERC, spero che si possa festeggiare con una bella gara. Grazie al governo per il supporto e alle garanzie che lo stato ci dà, così come al promoter Eurosport per avere creduto in noi e a tutti quelli che ci hanno dato una mano facendo avverare tutto ciò”.

Tamás Őry (organizzatore dell’evento): “Quando ci è stato chiesto di organizzare un evento europeo potevamo averne solo uno di 150km, per cui il delegato FIA ci ha dato una mano in modo che si potesse metterne su uno in totale sicurezza. Abbiamo deciso di avere una gara con gli standard dell’ERC. Più di 600 persone lavoreranno in quel weekend e oltre 52 autorità municipali. Avremo una sezione di 4km nel centro città di Nyíregyháza e 113km a Zemplén. I piloti per noi vengono prima di tutto, per cui abbiamo cercato di creare PS di altissima qualità. Sono state usate per l’ultima volta negli anni ’80 e praticamente nessuno se le ricorda. Ne avremo una di 26km, cosa inusuale per noi, ma che per l’ERC è normale, quindi abbiamo cercato di seguire queste indicazioni. Metteremo in piedi anche infrastrutture, servizi informazioni e tutto ciò che serve per i tifosi. Vogliamo che questo nuovo rally resti a lungo attirando migliaia di fan dal paese e da fuori, vecchi e nuovi. Abbiamo anche pensato ad un modo per seguire il rally con un maxischermo in piazza Kossuth a Nyíregyháza, anche per seguire la superspeciale di sabato a Mád da parte di tutti gli spettatori. Siamo felicissimi di essere nel calendario dell’ERC e faremo del nostro meglio per rispettare le alte aspettative e organizzare un grande weekend di gara”.

Quest’anno l’evento ha attirato 69 auto per 17PS di 223,10km totali , con una Super Speciale in città e la PS più lunga di 25,15km.

Liepāja, Polonia e Cipro restano invertendosi
Gli altri cambiamenti del calendario 2019 dell’ERC riguardano, Rally Liepāja (Lettonia), Rally Poland e Cyprus Rally. I primi due vengono anticipati rispetto a 2017 e 2018, con l’evento baltico che si correrà a maggio e quello polacco a giugno, mentre Cipro passa a settembre per festeggiare la 75a edizione.

Si comincia dalle isole, con Azores Airlines Rallye a São Miguel e Rally Islas Canarias a Gran Canaria, fissati all’inizio per facilitare gli spostamenti.

A metà stagione abbiamo invece i rally asfaltati, con Rally di Roma Capitale e Barum Czech Rally Zlín, in luglio e agosto.

Gare miste per l’ERC Junior
I giovani talenti dell’ERC Junior prenderanno parte a tre gare su terra e tre su asfalto nel 2019.

FIA European Rally Championship 2019 – Calendario Provvisorio*
Round 1: Azores Airlines Rallye (Portogallo), 21-23 marzo** (ERC Junior), terra
Round 2: Rally Islas Canarias (Spagna), 2-4 maggio (ERC Junior), asfalto
Round 3: Rally Liepāja (Lettonia), 24-26 maggio (ERC Junior), terra
Round 4: Rally Poland (Polonia), 28-30 giugno (ERC Junior), terra
Round 5: Rally di Roma Capitale (Italia), 19-21 luglio (ERC Junior), asfalto
Round 6: Barum Czech Rally Zlín (Repubblica Ceca), 16-18 agosto (ERC Junior), asfalto
Round 7: Cyprus Rally (Cipro), 27-29 settembre, terra
Round 8: Rally Hungary (Ungheria), 1-3 novembre, asfalto***

*Soggetto ad approvazione del Consiglio Mondiale FIA
**Soggetto a firma dell’accordo con il promoter
***Soggetto a conferma supervisore FIA

Jean-Baptiste Ley (coordinatore ERC): “Siamo lieti di presentare il calendario provvisorio del FIA European Rally Championship 2019, che resta soggetto all’ok del Consiglio Mondiale FIA. Ancora una volta abbiamo risposto alle richieste dei concorrenti di limitare ad 8 gli eventi nell’arco dell’anno e di dividerli equamente tra terra e asfalto”.

“Il Rally Hungary è una bellissima novità del programma e siamo felicissimi di aver rinnovato gli accordi con Azores Airlines Rallye, Rally Islas Canarias, Rally Liepāja, Rally Poland, Rally di Roma Capitale, Barum Czech Rally Zlín e Cyprus Rally.

“L’Acropolis Rally non ci sarà, ma stiamo già parlando del suo ritorno nel 2020. E’ un evento di altissima qualità e storico, organizzato benissimo da Eurosport Events e OMAE con una grande collaborazione che non va buttata, ma preservata. La porta per questo evento resta sempre aperta”.

Foto: FTF Pictures/Tamás Farkas